a

Home Linda

PROVE DI TENUTA

Nelle condotte fognarie e impianti di smaltimento

Importanza della prova di tenuta di condotte fognarie

e impianti di smaltimento

Ing. Thomas Egger – Giovanni Gabelli

Introduzione

È noto che le società moderne hanno notevolmente innalzato la qualità di vita con la costruzione di opere idrauliche che trasportino fuori dei centri abitati gli scarichi urbani. Con il tempo la crescente sensibilità verso l’ambiente ha posto sempre maggiore attenzione al corretto smaltimento del contenuto trasportato dalle reti. Tuttavia ai fini di una completa tutela ambientale è assolutamente necessario porre altrettanta attenzione ai contenitori, ovvero alla tenuta delle reti che trasportano i reflui. La norma europea di riferimento per il settore è la EN 1610 pubblicata a settembre 1997 e adottata da tutti i Paesi della comunità europea. In Italia è stata adottata dall’UNI nel novembre 1999 e da quella volta è rimasta tale e quale (UNI EN 1610:1999). Altri paesi, tra i quali l’Austria, come consentito dalle regole della comunità europea la norma è stata adottata con l’inserimento di specifiche più restrittive e soprattutto eliminando alcune ambiguità tuttora presenti sulla EN 1610. Dalla metà degli anni ’90 in Austria si pone molta attenzione alla qualità delle acque e soprattutto allo smaltimento delle acque reflue mettendo a confronto l’impatto economico dello smaltimento con la salvaguardia delle falde acquifere.
La norma in questione è la ÖNORM B2503:2012 (al punto 6 Collaudi). La norma ha già visto 3 revisioni in ciascuna delle quali sono stati apportati correttivi o integrazioni. L’ultima revisione del 2012 ha visto l’inserimento della procedura per il collaudo di serbatoi interrati in calcestruzzo, quali fosse biologiche, impianti di depurazione e vasche di raccolta.

Questa norma, come anche la UNI EN1610, ribadisce il principio che il trasporto del refluo dal suo ingresso all’impianto di smaltimento deve avvenire attraverso tubazioni e strutture “a tenuta“.

L’importanza di questo principio è duplice: da un lato si devono evitare fuoriuscite (esfiltrazioni) di qualsiasi tipo per non inquinare con sostanze di ogni tipo la falda e l’acqua che beviamo potabile.

Figura 1 Esfiltrazione

D’altro lato, tubazioni e strutture “a tenuta” sono necessarie per non trasportare acque parassite (acqua potabile, acqua piovana, ecc.) agli impianti di smaltimento comportando un inutile aggravio nella spesa di gestione di tali impianti.


Figura 2 Infiltrazione

BLA BLA BLA BLA BLA BLA BLA BLA BLA BLA BLA BLA

featured-work-01

Pressa Website re-design

Vestibulum id ligula porta felis euismod semper. Donec ullamcorper nulla non metus auctor fringilla. Sed posuere consectetur est at lobortis. Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum.Donec sed odio dui.
Details
featured-work-02

Pressa Website re-design

Vestibulum id ligula porta felis euismod semper. Donec ullamcorper nulla non metus auctor fringilla. Sed posuere consectetur est at lobortis. Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum.Donec sed odio dui.
Details
featured-work-03

Pressa Website re-design

Vestibulum id ligula porta felis euismod semper. Donec ullamcorper nulla non metus auctor fringilla. Sed posuere consectetur est at lobortis. Cras mattis consectetur purus sit amet fermentum.Donec sed odio dui.
Details

PROVE DI TENUTA

Obiettivo della Önorm B2503

Il fattore di successo della ÖNORM B2503 è stata la comune volontà di perseguire gli obiettivi di tutela ambientale da parte del governo nazionale, regioni, autorità di Bacino, università, associazioni di consumatori, progettisti, uffici tecnici ed amministratori comunali, produttori, imprese di costruzione, società di collaudo e personale di collaudo.

esempi Prova di tenuta

Qui troverete una serie di esempi di prova di tenuta eseguite su:

  • fosse biologiche;
  • impianti di depurazione;
  • vasche di raccolta;
  • utenze private.

E tutta l’attrezzatura necessaria per eseguire i lavori.

Proposta

Perché le condotte devono essere interamente controllate?
La domanda riguarda non solo la rete civile (fognature, condotte meteoriche o miste, pozzetti, fosse biologiche), ma anche la rete industriale che sono potenzialmente un rischio per tutto l’ambiente.
In un epoca in cui mai come prima tanti agenti chimici e farmaci (=droghe) vengono trasportati nelle condotte, è assolutamente necessario difendere la qualità dell’acqua potabile e dei nostri terreni.
La prova di tenuta accerta se l’opera è/non è “a tenuta” e nel verbale di prova viene fornita una misurazione “quantitativa” della perdita

CONTATTACI PER SAPERNE DI PIÙ